loader image

Negli ultimi anni sono cambiati molto i modi di investire, così come decidere sui finanziamenti per poter avere un maggiore profitto in tempi brevi. Non sempre l’economia ci viene incontro in questo tipo di mercato, il più delle volte bisogna essere ben informati e conoscere bene il mondo della finanza che negli ultimi decenni ha avuto diverse metamorfosi. Che cosa serve sapere per poter investire correttamente? E quali sono i punti da conoscere per fare investimenti sicuri? Sicurezza, rendimento, flessibilità. Questo è ciò che le famiglie devono sapere prima di acquistare risorse. Ad oggi le banche propongono mutui con interessi negativi, cosa significa? Che se la banca oggi fa un prestito a tasso 0 come potrà pagare gli interessi ai suoi clienti?

 Ci sono servizi per i risparmiatori a capitale garantito. Stiamo parlando di acquistare in oro e accumularlo, negli ultimi 15 anni il suo valore è quadruplicato, l’oro sta facendo un percorso inverso poiché il suo valore sta crescendo, tanto che fra altri 15 anni si presume che la domanda superi eccessivamente l’offerta causando un incremento di costi di estrazione. Abbiamo dati che lo confermano in quanto potenze economiche che rastrellano tutto, banche che riempiono i caveaux, miliardari e milionari che diversificano in oro, le risorse auree bancarie dal 2019 sono considerate come liquidità.

Esempio: Oro acquistato dieci anni fa per 30000 euro / Valore attuale: 100000 euro

In cinque mesi il prezzo dell’oro è salito di 2000$, alla base del rialzo delle stime vi è un contesto economico dovuto da un aumento dell’incertezza e dei rischi commerciali. Con 4.300 miliardi di euro a disposizione degli italiani un terzo della liquidità delle famiglie non è investito ma tenuto su conti correnti a deposito. Il 30% non conosce il modo di investire i propri risparmi, in questo momento si ha una grande opportunità, cioè quella di investire nel settore oro. La legge n.173 del 17 agosto 2005 prevede che sull’importo netto si applichi la ritenuta a titolo di imposta del 23%, questo significa che su un reddito netto del 78% la ritenuta sul lordo è pari al 17,94%. Cosa accade a chi investe in oro? Non sussiste l’obbligo di presentarlo nella dichiarazione dei redditi, i guadagni percepiti non fanno cumulo con altri redditi.

Il monopolio del mercato dell’oro da parte dell’Ufficio Italiano Campi è stato abolito, è stato concesso il diritto di acquistare e vendere oro da investimento esente da IVA. Quindi l’oro è proprietà del cliente, è un valore quantificabile (attualmente esistono 184000 tonnellate d’oro nel mondo), non è falsificabile e di conseguenza non è una risorsa illimitata.

Ci sono anche delle complicanze in questo mercato ovvero, la domanda supera l’offerta e il costo di estrazione è in continuo aumento e le risorse minerarie nel terreno stanno per terminare. Il peso di un’oncia è pari a 31,1035 grammi e il suo costo di estrazione (ad oncia) è pari a 1000$. Non tutti i tipi di oro sono destinati all’investimento, solo l’oro puro al 99,5% su un Kg d’oro. La sua purezza massima arriva ad essere di 24 carati, che corrisponde al 99,99% di oro su un Kg. Investire oggi significa sicurezza per il domani, scegliere il momento giusto e l’investimento giusto genera reddito e quindi capitale come garanzia per il prossimo decennio.

 a cura di Antonella Malizia

New Report

Close

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account