Nel 2021 ricorre il settimo secolo della morte del sommo poeta Dante Alighieri, all’anagrafe Durante Alighiero degli Alighieri nato a Firenze nel 1265 e morto a Ravenna nel 1321; sarebbe bello ricordare il padre della nostra lingua italiana  limitando il ricorso delle espressioni in altre lingue, normalmente usate e/o abusate nel comune linguaggio che quotidianamente usiamo, almeno per questo anno in cui celebriamo il settimo secolo della sua scomparsa.

Ci riusciremo? Bella sfida vedremo come andrà a finire, Dante fu oltre che un linguista, teorico politico e filosofo, un personaggio che segnò il trionfo della lingua italiana (volgare) su quella latina, accessibile ai soli aristocratici e che pertanto escludeva i più dal contesto culturale, infatti egli espresse nel suo “De Vulgari Eloquentia”la naturalezza della lingua volgare poichè è la prima che apprendiamo alla nascita, mentre tutte le altre le apprendiamo per necessità.

Considerato le precedenti ricorrenze dei grandi maestri devastate dalle emergenze sanitarie, Raffaello è stato meno fortunato di Leonardo; nel 2019 le celebrazioni per il quinto centenario della morte del Leonardo Da  Vinci non sono state turbate da un morbo aggressivo, com’è invece toccato nel 2020 alle rievocazioni per la stessa ricorrenza del maestro d’arte Raffaello Sanzio, stravolte  dall’isolamento forzato che hanno impedito il decorso normale degli eventi a lui dedicati.

Molte sono le nubi che ancora campeggiano minacciose,  non solo nei nostri  cieli ma anche in quelli di tutto il mondo, facendo temere nuove  incertezze insidiose ma spunta il settimo centenario ineludibile per la cultura italiana: il 2021 segnerà sette secoli dalla morte di Dante Alighieri, considerato, con tutti gli onori, il padre della lingua italiana e che  non ha bisogno di presentazioni,  sicuramente incertezze ed inquietudini allignano fra coloro che a giusta ragione vogliono celebrarlo, ma tante le perplessità che ipotizzano un nuovo confinamento collettivo; però ognuno di noi può omaggiare ugualmente Dante, cercando di limitare i vocaboli stranieri nel proprio abituale lessico, per dare di lui memoria devota e grata di ciò che fu il suo impegno letterario e che avrebbe, di fatto, effetti benefici anche sull’educazione dei giovani.

Un modo che in questi tempi di conformismo intellettuale e di provincialismo camuffato da termini non in lingua italiana, si potrebbe fare un piccolo sacrificio rinunciando ai vocaboli  stranieri e non solo anglofoni, esprimendoci prettamente in lingua italiana. Un piccolo omaggio a  colui che tanto si è speso per il futuro delle generazioni di italiani dal Medioevo ai giorni nostri, quando non immaginava che da lì a venire la globalizzazione ci  portava  l’esigenza di sostituire la nostra lingua e i nostri vocaboli, di onorata radice latina, con quelli di altre lingue a prevalenza inglese.

Nell’anno di Dante, dunque, sarebbe il nostro più alto riconoscimento al   “Sommo Poeta”  per cui orsù   impegniamoci tutti a non ricorrere a quei lemmi stranieri che infarciscono i nostri discorsi, ben consapevoli che la nostra è una lingua antica che oltre ad appartenerci ci onora, costruita dal popolo romano che secoli avanti Cristo, quando nel resto del mondo c’erano tribù di barbari, scriveva e stabiliva il diritto Romano che ha poi ha sancito l’intera cultura odierna con la civiltà dei giorni nostri. Le parole straniere che quotidianamente vengono utilizzate per fare presa sui media sono vocaboli  scavati il più delle volte dal vocabolario inglese , che aiutano a far presupporre conoscenze superiori che nobilitino i concetti esibiti ma  che possono talvolta  mascherare la vacuità di certi contenuti. Parole desunte da una lingua che risulta indispensabile per il dialogo fra genti diverse, mettendole in relazione per scambi di vedute e offerte culturali importantissime, parole però che sovente vanno a sostituirsi a quelle nostrane anche quando quest’ultime sarebbero incomparabilmente più pertinenti e belle.

Tutto il mondo ce lo riconosce la bellezza della lingua italiana per la sua liricità e le allitterazioni quasi musicali, non si capisce perché si voglia imbastardire l’eloquio dolce e al contempo vibrante delle nostre terre con l’inserzione sempre più frequente e spesso incongrua del gergo inglese. Almeno nell’anno dedicato a Dante (che la lingua italiana ha reso sacra) si potrebbero  evitare gli ammiccamenti di lingua straniera e le scorciatoie linguistiche anglosassoni; che sono alla fine espedienti popolari per nascondere la pigrizia di chi neppure più si sforza di cercare il vocabolo italiano appropriato.

E intanto la nostra lingua impercettibilmente declina, pervasa dai troppi lockdown, smart working, fake news  e chi più ne sa più ne metta… A questi pensieri non è sottesa un’aspirazione autarchica, bensì il desiderio d’avvalorare, soprattutto nei giovani, la consapevolezza della nobiltà d’una lingua (la nostra) universalmente riconosciuta come una delle più belle e antiche del mondo: Dante se lo merita e da lassù sorride e ringrazia.

Articolo a cura della Prof.ssa Maria Basile

New Report

Close

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account