loader image

La pandemia da COVID-19 sta sicuramente conducendo a tanti cambiamenti, accelerando la digitalizzazione dei settori, impulsando il commercio online e favorendo incontri e riunioni nel mondo virtuale. Una grande trasformazione la sta indiscutibilmente vivendo il mondo del lavoro, in particolare tutte quelle attivitá ed industrie dove la presenza fisica non è strettamente necessaria. Tante sono le app che sono state sviluppate, da grandi aziende e startup, per permettere a milioni di lavoratori di poter lavorare da casa. Applicazioni di videoconferenze, di messaggistica instantanea, di condivisione dei documenti tra più membri di un team, addirittura spazi virtuali dove poter svolgere riunioni e workshops, dove ogni membro del team ha un proprio avatar. Tutte app per ricreare, anche se in minima parte, la vicinanza umana tra i colleghi, permettendo loro di sentirsi partecipi di un team e non di alienarsi dal resto.

Seppure queste applicazioni giochino un ruolo fondamentale, permettendo la continuitá del lavoro di molte aziende, tuttavia quest’ultime non prevedono che anche in futuro la forza lavoro sia completamente remota, dati i vantaggi immateriali della connessione sociale, della collaborazione e dell’innovazione offerti dal lavoro di persona. Andando avanti, molte aziende probabilmente prenderanno in considerazione la propria impronta immobiliare, sia che si tratti di ridimensionare o di ridistribuire gli spazi di lavoro. Sará pertanto cruciale creare un ambiente lavorativo dalle condizioni ottimali che stimoli la produttivitá, tanto negli spazi fisici degli uffici quanto remotamente. Per stare al passo con i tempi, le aziende dovranno considerare investimenti chiave in benessere, strumenti di collaborazione remota, sicurezza informatica mobile, strumenti HR accessibili e programmi di formazione della forza lavoro per lo sviluppo professionale e l’upskilling. Si possono identificare cinque  trends che riguardano come saranno gli uffici nel futuro, e come la tecnologia permette il loro sviluppo.

1: Ingressi agli edifici: controlli di salute pre-ingresso

L’ingresso è il primo punto di contatto tra colleghi, soprattutto negli orari di punta e nell’attesa dell’ascensore. Per evitare assembramento, ogni dipendente potrá accedere agli uffici durante una fascia d’orario e solo dopo essersi sottoposto al controllo della temperatura. Molte aziende che sono già tornate al lavoro utilizzano app e indagini sanitarie quotidiane per monitorare i dipendenti prima dell’arrivo e selezionare quelli che potranno accedere. In Cina, i passaporti immunità basati su codice QR incorporati in super app come WeChat e Alipay sono diventati onnipresenti. Le persone che utilizzano il codice sanitario di Alipay compilano un modulo nell’app e il software utilizza i big data per generare un codice QR a seconda del rischio di contagio di un utente.

2: Ascensori e spazi comuni: ingresso touchless e filtrazione dell’aria

Una volta passato il primo screening, il personale puó dirigersi verso l’ascensore e, grazie alla tecnologia di rilevamento dei movimenti, puó chiamarla agitando la mano, evitando di toccare qualsiasi pulsante. Una volta dentro, grazie alla tecnologia di riconoscimento vocale, puó pronunciare il piano del suo ufficio, evitando ancora una volta l’uso dei pulsanti. Oltre a garantire la distanza sociale e dispositivi touchless, è necessario che l’azienda provveda anche a migliorare la qualità dell’aria, installando sistemi di filtrazione dell’aria adatti. La startup UV Angel ha realizzato un sistema di trattamento dell’aria che neutralizza continuamente i batteri nocivi, utilizzando la tecnologia di purificazione della luce.

3: Ufficio e scrivania: sensori di controllo della distanza

Grazie a dei sensori bluetooth che possono essere posizionati su tutto il piano, le aziende possono pianificare le loro strategie di ritorno in ufficio e monitorare in tempo reale quando determinate aree dell’ufficio raggiungono la massima capacità. Startup come Density, Staqu, Outsight, Zensors e VergeSense stanno sviluppando app di intelligenza spaziale e tecnologia per il conteggio delle persone. Altre startup stanno sviluppando applicazioni per monitorare la temperatura del personale in tempo reale.

4: Sale conferenza: strumenti di collaborazione remota

Le sale riunioni che potevano essere occupate da decine di persone, devono oggi essere riadattate e nuovi strumenti devono essere utilizzati per garantire la collaborazione in tempo reale tra più membri del team. Le aziende devono rompere le barriere tra spazio offline e online, offrendo al personale strumenti per potenziare la produttivitá. App come Remo permettono di ricreare online le sale riunioni con più partecipanti, dove ogni partecipante ha il proprio posto e può intervenire senza interrompere gli altri partecipanti. Alcune delle funzionalitá riguardano strumenti come lavagne virtuali condivise, opzioni di sondaggi in tempo reale, alzata di mano e trascrizione. In fase di sperimentazione sono app di realtà aumentata e realtà virtuale, come Spatial, che permettono al personale di interagire mediante l’utilizzo di avatar 3D.

5: Risorse umane on-the-go: strumenti per il benessere, la comunicazione e il coinvolgimento dei dipendenti

Le risorse umane devono mettere a disposizione dei propri dipendenti strumenti che aumentino la connettività, per facilitare la comunicazione, il coinvolgimento e garantire il loro benessere. In un momento delicato come questo, in cui l’interazione tra colleghi è remota e si rischia di perdere il contatto umano, è necessario monitorare lo stato emotivo della forza lavoro. Lattice è una piattaforma di gestione delle prestazioni che consente ai team di visualizzare e monitorare il coinvolgimento dei dipendenti attraverso dashboard, mappe termiche e punteggi per fornire un feedback continuo. Piattaforme di telemedicina garantiscono la possibilitá di conoscere il benessere fisico e mentale del dipendente, aiutandolo nei momenti difficili.

Queste sono solo alcune delle tendenze che si possono verificare negli ambiti lavorativi. Sicuramente la tecnologia permette di avanzare velocemente e sviluppare applicazioni sempre più ad-hoc per le situazioni che verranno a crearsi e le necessità specifiche di ogni settore. Il controllo della salute dei dipendenti resta comunque un punto fondamentale e prioritario da tenere in considerazione.

a cura di Elena Molinaro

Consulente di Strategia e Innovazione

New Report

Close

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account